sfondo
Chi siamo
Team
Dove siamo
Servizi
Consulenza
societaria e contrattuale
Consulenza
aziendale direzionale
Consulenza
finanziaria
Revisione
contabile e legale
Consulenza
contabile e fiscale
top corner bottom corner

Chi siamo

Lo Studio Battistini e Sirri nasce nel 1996 dall'idea dei due partners fondatori Maurizio Battistini e Stefano Sirri di creare una squadra di professionisti in grado di affiancare le imprese nella loro crescita e vita aziendale.

Ubicato in Emilia Romagna, a Cesenatico (FC), sulla riviera romagnola, lo Studio Battistini e Sirri è operativo in tutta la provincia di Forlì-Cesena, nonché a livello nazionale ed estero nei casi di supporto a progetti aziendali di tale carattere o entità.

Il team è formato esclusivamente da Dottori Commercialisti e Revisori legali che hanno maturato anni di crescita professionale, specifica e interdisciplinare (competenza in materia fiscale, societaria, contrattuale, finanziaria, legale, contabile, procedure concorsuali, contenzioso ecc.), perciò in grado di interpretare le situazioni imprenditoriali contingenti trasformandole in risultati concreti. Ogni operazione, questione, problematica, opportunità, risorsa, progetto o idea viene studiata, approfondita, analizzata, confrontata, rivista e sviluppata insieme al cliente che viene costantemente affiancato dal team di commercialisti dello Studio.

Lo Studio Battistini e Sirri ha sempre creduto, puntato e investito nella squadra, nel team, nel gruppo, nel network e nelle giovani risorse, perché li ritiene la formula dinamica vincente per affrontare la complessità delle normative civilistiche, fiscali, contrattuali, legali e amministrative che, quotidianamente, le imprese di oggi o i potenziali imprenditori di domani devono affrontare.

Lo Studio è organizzato in modo molto flessibile così da poter rapidamente orientare le risorse sulle varie situazioni imprenditoriali che si presentano. È nel gruppo che la conoscenza non si somma ma si moltiplica ed è nel gruppo che la difficoltà si riduce e si supera.

I NOSTRI PROFESSIONISTI:

  • Battistini Maurizio
  • Sirri Stefano
  • De Carlo Debora
  • Facondini Mirco
  • Montanari Gianluigi
  • Zavagli Gianluca
  • Zavagli Silvia
STUDIO ASSOCIATO BATTISTINI - SIRRI
viale Luigi Negrelli, 28
47042 Cesenatico (FC)
Tel: 0547 672650
Fax: 0547 675181
  • Studio, consulenza ed assistenza per la creazione di gruppi societari e raggruppamenti di imprese (Cooperative, Consorzi, Reti di Imprese, ATI, ecc...);
  • Cessione di quote sociali di Srl
  • Costituzione e/o riconoscimento di Start-up e PMI innovative;
  • Operazioni di savataggio aziendale e di gestione negoziale della crisi (Concordati Preventivi, Gestione della Crisi da sovraindebitamento, Piani attestati, Accordi di ristrutturazione dei debiti);
  • Membri di collegi sindacali.
  • Piani di rientro e rateazione delle cartelle esattoriali.

In questa fase è necessaria l'assistenza per la redazione di atto costitutivo e patti sociali per società di persone (S.S. - S.N.C. - S.A.S.), statuto per società di capitali (S.R.L. - S.P.A. - S.A.P.A. - S.R.L.S.) da perfezionare mediante atto pubblico notarile; assistenza nella redazione di verbali del consiglio di amministrazione, verbali assemblea soci.

Assistenza nella redazione di accordi tra soggetti (soci) appartenenti ad una stessa società, con validità limitata agli stessi soggetti, aventi l'obiettivo di regolare il proprio agire comune all'interno della società.

La fusione è un'operazione aziendale straordinaria che riduce ad un'unica società (incorporante o beneficiaria) i patrimoni di due o più società (incorporate) facendo confluire nella società risultate dalla fusione tutti i soci.

La trasformazione d'azienda è il cambiamento di tipo di società oppure anche il passaggio da una società di capitali ad altro tipo di ente giuridico o comunione d'azienda e viceversa.

La scissione è un'operazione straordinaria attraverso la quale una società, detta scissa, trasferisce l'intero suo patrimonio o parte dello stesso ad altre società,dette beneficiarie, con assegnazione ai soci della prima delle azioni o quote delle società beneficiarie.

Con il contratto di cessione di quote o partecipazioni un soggetto trasferisce la titolarità della propria quota detenuta in una società ad un altro soggetto dietro corrispettivo.
Per alcune tipologie di passaggi di quote è sufficiente che l'atto venga predisposto direttamente da un Commercialista, senza alcun intervento di Notaio.

La liquidazione è un'operazione che mira a concludere tutti i rapporti patrimoniali dell'azienda realizzando le attività in essere, estinguendo tutte le passività ed assegnando l'eventuale residuo ai soci.

Assunzione dal Tribunale di Forlì di incarichi di curatore fallimentare; gestione istanze di ammissione al passivo per conto di clienti creditori; accordi di ristrutturazione dei debiti; piani attestati di risanamento art. 67 L.F.; concordato preventivo.

Gestione del passaggio dell'impresa da padre a figlio mediante strumenti societari quali donazioni di quote, divisioni ereditarie, conferimenti o cessioni d'azienda, costituzione di trust.

La consulenza consiste nell'assistere e consigliare i propri clienti nello svolgimento dei loro atti di gestione aziendale, fornire informazioni e pareri, aggiungere quei fattori di competenza specifica, conoscenza e professionalità in grado di promuoverne gli sviluppi.

Tra i vari strumenti di consulenza aziendale le procedure di controllo di gestione, tra cui le analisi dei dati di bilancio, la loro riclassificazione, la lettura degli indicatori di bilancio, la costruzione del rendiconto finanziario o del budget, sono in grado di offrire ai clienti strumenti per tenere sempre monitorata la propria azienda.

È possibile determinare il valore di un'azienda, o di un suo ramo, scegliendo tra diverse metodologie e strumenti a disposizione elaborati dalla dottrina e prassi, tra cui:

  • metodo patrimoniale, che esprime il valore dell'azienda in funzione del patrimonio di cui la stessa dispone;
  • metodo reddituale, secondo il quale l'azienda viene valutata in virtù della sua capacità di produrre reddito;
  • metodo finanziario, che si basa sul valore attualizzato dei flussi monetari attesi dalla gestione aziendale;
  • metodi misti.

La gestione strategica è il modo di condurre l'organizzazione di un'impresa in base ad una strategia. Il processo della gestione strategica comprende:

  • la definizione della mission e degli obiettivi;
  • l'analisi dell'ambiente esterno e interno;
  • la scelta delle strategie che combinano, da un lato le minacce e le opportunità derivanti dall'ambiente esterno, dall'altro le forze e le debolezze dell'impresa;
  • l'adozione di strutture organizzative dell'impresa e di sistemi di controllo che realizzano le strategie scelte, tra cui il processo di globalizzazione.

Un'impresa che pianifica l'espansione all'estero ha necessità di essere affiancata nella definizione delle operazioni amministrative, burocratiche, organizzative, fiscali e contrattuali tipiche del paese estero nel quale vuole insediarsi.

Le collaborazioni commerciali o di business rappresentano una importante risorsa per gli imprenditori locali, con vantaggi reciproci per le parti, tra cui accordi di produzione, partecipazione a progetti di vario genere; lo Studio ricerca partner locali da affiancare all'imprenditore che vuole condividere il proprio business.

Nell'ambito della strategia aziendale lo studio di fattibilità serve a definire se un programma o un progetto o un'idea di massima può essere realizzato dal punto di vista societario, fiscale, amministrativo, contrattuale e se risulta conveniente dal punto di vista economico.

Il risultato finale dello studio di fattibilità è costituito da una relazione contenente conclusioni e raccomandazioni sulla possibile realizzazione e sulla delimitazione degli ambiti, eventualmente offrendo indicazioni utili a orientarne le priorità, le linee di azione, le strategie e le modalità di lavoro.

La nascita di una start up aziendale deve essere supportata da uno studio in grado di fornire una serie di dati di natura economico-aziendale, sui quali tracciare linee guida per la costituzione dell'attività.

Il business plan è un documento che sintetizza i contenuti e le caratteristiche del progetto imprenditoriale e viene utilizzato sia per pianificare la gestione aziendale, sia comunicare verso l'esterno, ad esempio verso i potenziali finanziatori della start up.

La riorganizzazione dell'azienda persegue l'obiettivo di migliorare l'efficienza e ridurre i costi gestionali.
Le operazioni di ristrutturazione e riorganizzazione aziendale avvengono anche in casi di acquisizione, scissione, fusione di aziende.

La gestione strategica dei flussi finanziari permette di indicare quando un'impresa è in equilibrio finanziario, quali fattori di disequilibrio sono più pericolosi e da quando diventano tali.

Un'impresa è in equilibrio finanziario se riesce, nel tempo, ad avere un buon controllo della tesoreria, se le sue entrate riescono a fronteggiare le uscite, tenuto conto dell'andamento della posizione finanziaria netta.

La procedura di ristrutturazione del debito viene eseguita ai fini del risanamento dell'impresa o per gestire una liquidazione concordata non fallimentare con i creditori.

La procedura prevede un accordo con il quale le condizioni originarie di un prestito (tassi, scadenze, divisa, periodo di garanzia) vengono modificate per alleggerire o modificare l'onere del debitore.

Il Gruppo BSA svolge un'attività di ricerca e selezione di opportunità di investimento in imprese private con l'obiettivo di mettere in contatto le imprese con gli investitori professionali, attraverso un'approfondita conoscenza delle dinamiche di investimento ed un consolidato network di relazioni con gli investitori.

Le operazioni di finanza straordinaria implicano il riscorso a forme di finanziamento diverse da quelle ordinariamente utilizzate, quali ad esempio l'emissione di mini-bond o corporate-bond.

Il Gruppo BSA è in grado di operare una ricerca mirata ed indirizzare le imprese verso gli investitori più adeguati per le diverse esigenze dell'impresa stessa, operando in ambito locale e non per sviluppare relazioni personali con gli imprenditori ed i suoi professionisti, che facilitano le eventuali trattative tra impresa ed investitore.

Nell'ambito del processo di internazionalizzazione dell'impresa italiana, assume un ruolo importante l'attività svolta dalle istituzioni preposte al sostegno finanziario, talora con l'intermediazione della rete delle Camere di Commercio in Italia e all'estero tra cui:

  • finanziamenti agevolati di spese per la realizzazione di studi di pre-fattibilità, fattibilità e programmi di assistenza tecnica;
  • finanziamenti agevolati per programmi di penetrazione commerciale all'estero che hanno lo scopo di favorire la presenza stabile e qualificata di imprese italiane in Paesi non appartenenti alla Unione Europea mediante la costituzione di rappresentanze permanenti all'estero, uffici o filiali di vendita, centri di assistenza ai clienti, magazzini, depositi e sale espositive;
  • finanziamenti agevolati di spese per la partecipazione a gare internazionali;
  • agevolazioni di crediti all'esportazione che consente alle imprese esportatrici italiane di offrire agli acquirenti o committenti esteri dilazioni di pagamento a medio/lungo termine a condizioni e tassi di interesse competitivi, in linea con quelli offerti da concorrenti di Paesi OCSE.

Redazione e giuramento in Tribunale di perizie di stima ex art. 2343 c.c. (conferimenti), ex art. 2465 c.c. (trasformazioni), ex art. 2501-sexies c.c. (congruità rapporti di cambio), perizie di rivalutazione partecipazioni in società non quotate.

La due diligence è un'analisi conoscitiva eseguita su una determinata azienda o ramo d'azienda oggetto di un'operazione straordinaria di gestione, come una fusione, acquisizione oppure quotazione in borsa, per conto di uno o più soggetti che hanno interesse a valutare in maniera più approfondita la situazione gestionale della società in questione.

Lo scopo principale di quest'analisi è quello di fornire all'investitore un quadro d'insieme delle aree critiche e dei punti di forza della società analizzata.

La revisione contabile un'attività svolta dai revisori legali che, attraverso l'applicazione di procedure campionarie, consente loro di verificare la veridicità e la correttezza delle poste di un bilancio d'esercizio o di un bilancio consolidato, arrivando all'espressione di un giudizio sulla conformità del bilancio alle norme che lo disciplinano.

La Pianificazione fiscale mira alla creazione di rapporti e situazioni giuridiche finalizzate all'ottimizzazione dell'onere fiscale.

L'imprenditore spesso si trova a combattere con norme diverse, spesso contrastanti fra loro a causa di una diversa definizione di uguali istituti giuridici o da diversa qualificazione di atti e negozi oppure in relazione alla gerarchia delle fonti quando i rapporti presi in considerazione operano in ordinamenti diversi come ad esempio l' ordinamento dell' Unione Europea e di quelli degli Stati membri.

Tutte le società di capitali (S.p.a. - S.r.l. - Sapa) e quelle ad esse equiparate (cooperative e/o consorzi) hanno l'obbligo di depositare il bilancio dell'esercizio al competente Registro Imprese tenuto presso la CCIAA di competenza entro il termine di 30 giorni dalla data di approvazione del bilancio stesso; quest'ultima deve avvenire entro 120 giorni dalla chiusura (prorogabili a 180 in casi particolari di legge) dell'esercizio sociale.

Il Bilancio d'esercizio da depositare al registro imprese, come previsto dal Codice Civile, è formato da:

  • Stato Patrimoniale (redatto nella forma prevista dall'art. 2424 c.c.)
  • Conto Economico (redatto nella forma prevista dall'art. 2425 c.c.)
  • Nota Integrativa (con contenuto previsto dall'art. 2427 c.c.)
  • Relazione sulla gestione (nei casi previsti dalla legge e dall'art. 2428 c.c.)
  • Relazione dei sindaci (nei casi in cui sussiste il Collegio Sindacale e in base all'art. 2429 c.c.)
  • Verbale di assemblea dei soci di approvazione.

Le imposte dirette sono correlate alla ricchezza sia nel significato di patrimonio, sia nel significato di reddito; esse non si trasferiscono e rimangono a carico di chi è obbligato a pagarle; sono imposte dirette le seguenti:

Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) - Imposta sul reddito delle società (IRES) - Imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) - Imposta sostitutiva sui redditi da capitale - Imposta unica comunale (IUC) - Contributo soggettivo.

Le imposte indirette sono correlate alla ricchezza nel momento in cui viene trasferita (es. la vendita di un bene) o viene consumata (es. fruizione di un servizio o di una prestazione): le imposte indirette pertanto si trasferiscono da chi è tenuto a pagarle ad altri soggetti. Sono imposte indirette le seguenti:

Imposta di registro - Accisa - Imposta ipotecaria - Imposta catastale - Imposta di bollo - Imposta sulle pubblicità - Imposta sulle successioni e donazioni - Imposta sulle assicurazioni - Imposta sul valore aggiunto (IVA) - Imposta sul consumo e di fabbricazione - Imposta sugli intrattenimenti - Contributo integrativo.

Le strategie fiscali, sia nazionali sia internazionali, se condotte in base a precisi e fondati dettami professionali, presentano strumenti capaci di creare nella gestione aziendale un vero e proprio vantaggio competitivo sostenibile; ciò si realizza coadiuvando gli imprenditori e gli operatori economici in genere assumendo la veste di un vero e proprio strumento di strategia d'azienda e di pianificazione successoria aziendale e personale.

Per Tax Planning o pianificazione della tassazione rappresenta una serie di pratiche volte ad ottimizzare il carico fiscale, ad esempio optando per un regime di tassazione piuttosto che un altro, muovendosi nell'ambito della legalità, godendo delle opportunità contenute nella normativa fiscale, esplicitamente previste dal legislatore.

Il contenzioso tributario è un procedimento giurisdizionale che ha ad oggetto le controversie di natura fiscale tra il contribuente e l' amministrazione finanziaria; oggetto del processo sono gli atti amministrativi dell'amministrazione finanziaria, impugnati dal contribuente. La competenza spetta alla commissione tributaria. Il contenzioso tributario può instaurarsi solo a seguito dell'impugnazione di uno degli atti tassativamente prescritti dall'articolo 19 del decreto legislativo n. 546/1992. Gli atti avverso i quali può essere proposto ricorso sono:

  • l'avviso di accertamento del tributo;
  • l'avviso di liquidazione del tributo;
  • il provvedimento che irroga le sanzioni;
  • il ruolo e la cartella di pagamento;
  • l'avviso di mora;
  • l'iscrizione di ipoteca sugli immobili;
  • il fermo di beni mobili registrati;
  • gli atti relativi alle operazioni catastali;
  • il rifiuto espresso o tacito della restituzione di tributi, sanzioni pecuniarie ed interessi o altri accessori non dovuti;
  • il diniego o la revoca di agevolazioni o il rigetto di domande di definizione agevolata di rapporti tributari;
 
Ingranaggio Ingranaggio Ingranaggio Ingranaggio